Gli Occhiali: Storia e Curiosità

Il primo ausilio visivo, chiamato pietra da lettura, fu inventato intorno al 1000 d.C. La pietra di lettura era una sfera di vetro che veniva posta sopra il materiale di lettura per ingrandire le lettere. I primi occhiali da vista indossabili furono inventati intorno al 1284 in Italia. Si pensa che l’inventore sia stato Salvino D’Armate.

Come sono fatti gli occhiali?

La lente d’ingrandimento, inventata nei primi anni del 1200, fu la prima lente ottica utilizzata per assistere le persone con una vista scarsa o in declino. Erano fatti con un quarzo trasparente e una lente di berillo.

In seguito a questa invenzione, Alessandro di Spina ha messo gli occhiali a disposizione della popolazione generale. Le lenti al quarzo e berillo sono state sostituite da lenti in vetro a causa della crescente domanda di occhiali da vista. La lente convessa è stata la prima lente ottica utilizzata negli occhiali per correggere l’ipermetropia, quindi sono state sviluppate altre lenti correttive, tra cui la lente concava utilizzata per aiutare la correzione della miopia e lenti più complesse utilizzate per la correzione dell’astigmatismo. Nel 1784 Benjamin Franklin inventò la lente bifocale utile nella correzione della vista.

Più dell’80% di tutti gli occhiali da vista indossati oggi sono spesso realizzati con lenti in plastica. Prima dell’invenzione delle lenti in plastica negli anni ’50, le lenti di vetro rimanevano dominanti. Le lenti in plastica divennero rapidamente molto popolari perché erano più leggere, meno soggette a rotture e una scelta più comoda per chi porta occhiali da vista.

Oggi, la produzione di lenti in plastica per occhiali supera di gran lunga la produzione di lenti in vetro, ma il processo di produzione di lenti sia in plastica che in vetro è rimasto praticamente lo stesso.

Il metodo esatto per creare occhiali da vista implica un sistema di fasi molto preciso e molto dettagliato. Dopo aver determinato che gli occhiali da vista devono essere prescritti gli occhi di un paziente che sono stati precedentemente testati, un tecnico deve quindi determinare la forza di prescrizione del paziente utilizzando uno speciale computer che stampa le specifiche esatte su come realizzare la lente prescritta per gli occhiali del paziente .

Dopo che il tecnico ha confrontato un paio di sbozzati di plastica fino a trovare quello appropriato per la prescrizione del paziente e mettere la forza di prescrizione rimanente necessaria negli spazi vuoti sul retro dell’obiettivo. Una volta selezionato il bianco dell’obiettivo corretto, viene montato su un blocco portante in lega di cera o piombo e viene inserito in un tornio per obiettivi. Utilizzando le impostazioni del computer dettate dalla prescrizione del medico, il tecnico crea curvature molto precise e lo spessore desiderato.

Il prossimo è il processo di blocco, vale a dire la posizione del centro ottico degli occhiali e il raggiungimento della forza ottica di cui hanno bisogno gli occhiali. In questa fase l’obiettivo è sagomato o smussato e lucidato alla perfezione. Il tecnico ora utilizza la chiarificatrice per lucidare il lato posteriore dell’obiettivo.

Tagliare le lenti a misura è il prossimo passo che viene fatto oggi nella maggior parte dei laboratori con una levigatrice a lente computerizzata.

” Featherweight ”, un policarbonato molto leggero, è il tipo di plastica più resistente, più popolare e più costoso utilizzato nella produzione di occhiali.

Origini e Storia degli Occhiali

La prima tecnologia di ingrandimento delle immagini risale a circa 1000 A.D. I primi strumenti di aiuto visivo stavano leggendo le pietre. Coloro che li avevano inventati osservarono che un vetro convesso poteva ingrandire l’immagine di un piccolo oggetto. Queste pietre di lettura sono state sviluppate per aiutare i monaci a leggere e scrivere. I monaci con la presbiopia usavano leggere le pietre che venivano poste sul materiale di lettura come lenti di ingrandimento.

Nel 9 ° secolo Abbas Ibn Firnas ha sviluppato un modo per produrre vetro molto chiaro e si dice che sia il primo a utilizzare lenti correttive. Questi occhiali potevano essere modellati e lucidati in rocce rotonde.

 I veneziani iniziarono a fare delle pietre da lettura che venivano poste sul materiale di lettura. In seguito hanno imparato a produrli con lenti di vetro che potrebbero essere tenute davanti all’occhio invece di essere sul testo. I primi spettacoli con la sua cornice e le barre laterali furono probabilmente realizzati nel 1268 a Pisa, in Italia, ma non era noto chi li inventò.

I dipinti di Tomasso da Modena del 1352 rappresentano la prima rappresentazione artistica degli occhiali. I suoi dipinti mostravano monaci che leggevano e copiavano manoscritti, uno che utilizzava una lente di ingrandimento mentre un altro aveva gli occhiali appollaiati sul naso.

Dal 1400, Firenze, l’Italia divenne leader nella vendita, produzione e innovazione di occhiali di alta qualità. È già stato documentato che la visione è diminuita dopo i 30 anni e il concetto di occhiali da cinque anni è stato realizzato a Firenze. Le prescrizioni sono state cambiate ogni cinque anni con l’invecchiamento degli occhiali. Più tardi, gli occhiali venivano esportati dall’Italia in altre parti d’Europa. Potrebbero essere trovati in diversi stili, composizioni e costi e sono stati sicuramente accessibili e considerati una necessità da ogni livello della società.

Nel 17 ° secolo, la Germania è diventata uno dei principali attori nella storia degli occhiali da vista, poiché ha iniziato a produrre alcuni dei migliori montaggi per occhiali da vista, mentre l’Italia ha continuato a produrre lenti della migliore qualità.

Nel tempo, anche la costruzione di montature per occhiali si è evoluta. I primi oculari sono stati progettati per essere tenuti in posizione sia a mano che esercitando una pressione sul naso (pince-nez).

I primi occhiali erano realizzati con lenti al quarzo che erano state progettate per essere tenute in posizione sia a mano che posizionate sul naso (pince-nez), il che naturalmente rappresentava un problema, poiché i nasi hanno forme e lati diversi.

Lo stile moderno degli occhiali è stato sviluppato nel 1730, quando l’ottico londinese Edward Scarlett ha ideato delle parti laterali rigide che riposano sulle orecchie. Questo tipo di occhiali è ancora in uso oggi.

Lo scienziato americano Benjamin Franklin, che soffriva di miopia e presbiopia, si stancò di dover passare da una distanza all’altra e di leggere gli occhiali e sviluppò la lente bifocale nel 1784.

L’occhialino, un paio di occhiali con una maniglia, è stato sviluppato nel 18 ° secolo.

Nel XVIII secolo fu introdotto il monocolo, molto popolare nel XIX secolo, in particolare in Germania e in Russia.

L’astronomo britannico George Airy sviluppò i primi obiettivi per correggere l’astigmatismo nel 1825.

Dal 20 ° secolo, sia in America che in Europa, gli occhiali da vista furono prodotti per essere funzionali, comodi ed eleganti. Oggi, continuiamo a scoprire materiali più nuovi e leggeri per gli obiettivi e produciamo sia occhiali con cornice che senza cornice.

Chi ha inventato gli occhiali?

Ci sono molti dilemmi sull’invenzione degli occhiali. Secondo alcune fonti l’invenzione del primo paio di occhiali da indossare si è verificato nel 13 ° secolo in Italia.

Salvino D’Armate probabilmente inventò gli occhiali intorno al 1285, anche se varie fonti suggeriscono un’origine precedente. Ha condiviso l’invenzione del suo nuovo dispositivo con Allesandro della Spina, un monaco italiano, che lo ha reso pubblico e viene spesso attribuito inventando gli occhiali. I primi occhiali avevano montature fatte di metallo o di ossa e avevano lenti fatte di quarzo perché gli “ottici” di quel tempo non avevano le capacità di produrre lenti perfette in vetro.

Nel XIV secolo, gli artigiani veneziani creavano “dischi per gli occhi”. Gli italiani davano questi dischi di vetro che erano finemente macinati con il nome delle lenti perché erano simili nella forma alle fave di lenticchie. I primi obiettivi erano convessi, quelli sporgenti verso l’esterno nel mezzo e venivano usati per correggere la miopia

Nel XV secolo, gli spettacoli avevano trovato la loro strada verso la Cina.

Nel 1451 Nicholas of Cusa in Germania produsse occhiali per aiutare le persone che erano miopi usando lenti concave che erano più sottili al centro e più spesse alle estremità.

I primi occhiali da vista avevano lenti in vetro incastonate in pesanti telai di legno, piombo o rame. I materiali naturali di cuoio, osso e corno furono successivamente utilizzati per la produzione di cornici. All’inizio del diciassettesimo secolo furono inventati telai in acciaio più leggeri. Lo stile moderno della montatura per occhiali, che poteva essere posizionato sopra le orecchie e il naso, fu inventato nel 1727 dall’ottico britannico Edward Scarlett.

Lo scienziato e filosofo americano Benjamin Franklin è accreditato dell’invenzione delle lenti bifocali, dividendo le lenti per una visione lontana e vicina. Questi due obiettivi erano tenuti insieme in una struttura di metallo.

Sir George Biddle Airy, astronomo e matematico inglese, inventò gli occhiali per correggere l’astigmatismo nel 1827 che dovevano essere tenuti a mano. Gli occhiali più tardi sono stati progettati per essere tenuti in posizione da un nastro o esercitando una pressione sul ponte del naso, come nel caso di pince-nez.

Anche la costruzione dei telai è migliorata nel corso dei secoli e oggi sono realizzati in un’ampia gamma di stili e disegni. I telai sono generalmente prodotti in metallo o plastica e le lenti sono prodotte in vetro o plastica.

Nel 1955 furono inventate le lenti infrangibili e nel 1971 fu sviluppata una nuova lente che combinava le proprietà della plastica con il vetro.

Salvino D’Armate – L’inventore degli Occhiali

Salvino D’Armato degli Armati di Firenze (1258-1312), che significa “figlio di Armato”, è accreditato inventando i primi occhiali da vista indossabili intorno al 1284 in Italia anche se c’è qualche dubbio sull’autenticità di questa affermazione.

Leopoldo del Migliore, nella sua storia di Firenze del 1684, scrisse che la chiesa di Santa Maria Maggiore conteneva un memoriale in onore di D’Armati recante la seguente iscrizione: Qui giace Salvino degl ‘Armati, figlio di Armato di Firenze, inventore di occhiali. Possa Dio perdonare i suoi peccati. A.D. 1317. Poiché la chiesa è stata ricostruita più volte dal XIII secolo, questa tomba non esiste più e alcuni storici sono sospettosi delle sue affermazioni.

Armati si era ferito gli occhi mentre esaminava la rifrazione della luce. Attraverso questi esperimenti ha scoperto come aumentare l’aspetto dei soggetti osservandoli attraverso due pezzi di vetro convessi.

I primi occhiali sono stati prescritti per la correzione sia dell’iperopia (ipermetropia) che della presbiopia che si sviluppa comunemente come sintomo dell’invecchiamento; i primi occhiali per correggere la miopia (miopia) furono fatti nel XV secolo. Questi primi spettacoli erano bilanciati sul ponte del naso; gli steli furono introdotti nel 17 ° secolo.